Opere. Aion. Ricerche sul simbolismo del sé by Carl G. Jung

By Carl G. Jung

Show description

Read Online or Download Opere. Aion. Ricerche sul simbolismo del sé PDF

Similar italian_1 books

La casa della sapienza. Voci e volti della sapienza biblica

Che senso ha l'universo? Qual è il rapporto dell'uomo con le cose? Qual è ilsuo posto nel mondo, nella società, nella famiglia? Cos'è quella presenza cheil credente avverte intorno a sé, quella voce che lo interpella con autorità? In realtà le voci che lo raggiungono sono diversified e invitano in direzione opposta: come può orientarsi?

Additional info for Opere. Aion. Ricerche sul simbolismo del sé

Example text

8 AION. RICERCHE SUL SIMBOLISMO DEL SÉ Prefazione dell’autore Tema di questo libro è l’idea di eone (aion in greco). Basandomi sui simboli cristiani, gnostici e alchemici del Sé, mi sono sforzato di far luce sulla trasformazione della situazione psichica all’interno dell’“eone cristiano”. Fin dall’inizio, la tradizione cristiana è stata penetrata non solo dell’idea originariamente persiano-ebraica dell’inizio e della fine del tempo, ma è stata altresì pervasa dal presentimento di un’inversione, in un certo senso enantiodromica, delle dominanti.

Durante questi «anni di apprendistato» mise a fuoco la sua nozione di realtà psichica ed elaborò alcuni strumenti per la comprensione dei disturbi mentali. Nel 1907 entrò in contatto con Freud, con cui stabilì uno stretto rapporto umano e scientifico, assumendo una posizione di primo piano nel movimento psicoanalitico, ma nel 1912 la pubblicazione di Trasformazioni e simboli della libido segnò la rottura del loro sodalizio e il distacco di Jung dalla psicoanalisi. Ne seguì un lungo periodo di «malattia creativa», caratterizzato da un serrato corpo a corpo con l’inconscio e le sue immagini archetipiche, di cui dà testimonianza il Libro rosso.

Quest’immagine è die Herrin Seele, “l’Anima signora” come l’ha chiamata Spitteler. Io ho proposto il termine latino Anima, poiché esso serve a designare qualcosa di specifico per il quale il termine tedesco Seele è troppo vago e generico. La realtà riassunta nel concetto di Anima è un contenuto estremamente drammatico dell’inconscio. Lo si può descrivere in un linguaggio razionale, scientifico, che però non esprime neppure lontanamente la sua essenza vitale. Perciò, consapevolmente e intenzionalmente, io preferisco il modo di vedere e di esprimersi mitologico e drammatizzante, poiché esso, in considerazione del suo oggetto, costituito dai viventi processi della psiche, è non soltanto molto più espressivo, ma anche più preciso di un’astratta terminologia scientifica, solita a baloccarsi con l’idea che i suoi concetti potrebbero essere sostituiti un bel giorno da equazioni algebriche.

Download PDF sample

Rated 4.70 of 5 – based on 28 votes